PARTNER SITE
Europa

27-12-2005
Articolo letto 473 volte

IL COORDINAMENTO TOSCANO POLEMIZZA CON COOP

La cesta biologica di Coop per il Premio Toscana ecoefficiente 2005 non la racconterebbe giusta Riceviamo dal Coordinamento toscano produttori biologici: Vi scrivo per la vicenda del cesto premio Coop che si è conclusa con un altro attacco all’immagine dell’agricoltura biologica e della sua immagine. La regione Toscana ha promosso, come molti sapranno, un premio per l’ecoefficienza www.premioecoefficienza.it. Non mi dilungo sul premio ma vado al sodo:uno dei riconoscimenti offerti dalla regione consiste nell’assegnazione di ceste di prodotti biologici forniti dalla Coop. Anche durante la stessa ‘cerimonia’ (presenti televisioni , famiglie ed imprese pubbliche e private) di premiazione cui hanno partecipato assessori regionale all’ambiente e all’agricoltura, il rappresentante della Coop ha ribadito il concetto: cesto del valore di €200 di prodotti bio, ciò perchè Coop è sensibilissima alle tematiche ambientali e attenta alle produzioni biologiche regionali...

Autore: Emiliano Lascialfari direttivo CTPB
Temi | Paesi correlati: [Alimentazione] [Economia] [Agroalimentare] [Biologica] [Imprese] [Mercato] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

27-12-2005
Articolo letto 473 volte

IL CIOCCOLATO ZOTTER CERTIFICATO FAIRTRADE TRANSFAIR

L’alta qualità delle pregiate barrette austriache si sposa con la responsabilità sociale La creatività e la capacità inventiva di Josef Zotter, patron dell’omonima azienda austriaca, propone un cioccolato non solo eccellente, ma anche equo e solidale con i produttori del sud del mondo. Le pregiate barrette hanno ottenuto infatti la certificazione Fairtrade grazie all’utilizzo nella produzione di zucchero di canna e cacao equosolidale. Il gusto e l’aroma del cioccolato arrotondato dalle spezie e unito a noci arrostite o strati di frutta, soddisfa così gli amanti del lato dolce della vita, senza dimenticare la dignità dei coltivatori di cacao e canna da zucchero. Ciò che risveglia i sensi infatti può avere un risvolto molto amaro se crea sofferenza e lascia i piccoli produttori in condizioni disagiate. Zotter ha scelto così di pagare un prezzo equo per il cacao di Kuapa Kokoo e lo zucchero di Coopecanera.

Temi | Paesi correlati: [Alimentazione] [Agroalimentare] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

27-12-2005
Articolo letto 473 volte

EQUO E SOLIDALE PER BAMBINI

Ctm-Altromercato punta su vestiti e cosmetici Il commercio equo e solidale fa rotta sui bambini. Una linea di abbigliamento e prodotti cosmetici naturali dedicati ai più piccoli sono le ultime novità presentate in vetrina da Ctm-Altromercato, la più grande organizzazione di commercio equo e solidale presente in Italia. Che ora pensa in grande. Dopo aver fatturato nel 2004 30 milioni di euro con l'importazione dei prodotti di artigiani e contadini da oltre 40 paesi del Sud del mondo, conta di raggiungere, per la fine del 2005, una crescita del 10-15%. Le iniziative più recenti riguardano i più giovani: la nuova linea Natyr di prodotti cosmetici alla camomilla e l'abbigliamento in cotone biologico equo e solidale, Birbanda, per bambini da 0 a 24 mesi. Ma gli obiettivi, in realtà, guardano molto più lontano. ´Nei prossimi anni lanceremo sul tessile nuovi prodotti', racconta a ItaliaOggi Stefano Magnoni, direttore generale di Altromercato. ´Per questo stiamo lavorando su un progetto di ampio respiro che riguarda la produzione di una linea di abbigliamento entro la fine 2006'. Il progetto è ancora in corso di definizione, di sicuro la linea tessile sarà equa e solidale, la sua produzione infatti sarà realizzata in Perù e Argentina con la collaborazione di aziende locali. ´All'inizio si tratterà di polo e T-shirt, ma arriveremo a realizzare una linea completa', puntualizza Magnoni. La strada dell'abbigliamento per Altromercato è una novità. Finora l'azienda del commercio equo e solidale è cresciuta vendendo il 60% dei suoi prodotti artigianali, in particolare tè, caffè e cioccolato nella sua rete di negozi ´Botteghe del mondo', che oggi sfiorano le 350 unità.

Temi | Paesi correlati: [Alimentazione] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

27-12-2005
Articolo letto 473 volte

È A ROMA IL PRIMO DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE

Promosso dal Comune. Base di partenza: 10 milioni di euro. Ad oggi l'altra economia romana impiega a tempo pieno oltre 330 addetti Dieci milioni di euro di fatturato e 335 occupati a tempo pieno: sono queste le cifre dell'altra economia di Roma e provincia, così come emergono dall'indagine svolta tra giugno e novembre dall'Ufficio Autopromozione Sociale del Comune per verificare la fattibilità di un Distretto di Economia solidale. Per Paolo Carrazza, assessore al lavoro della capitale: «L'obiettivo è sostenere quelle realtà locali di altra economia così importanti per la riqualificazione dei territori secondo criteri di giustizia economica e inclusione sociale. Si tratta del fine principale del progetto del Distretto di Economia Solidale al quale stiamo lavorando da tempo. La sua creazione permetterebbe in primo luogo di sviluppare una rete di scambi e relazioni economiche e finanziarie, ma anche culturali e sociali, per dare un impulso nuovo alle periferie».

Temi | Paesi correlati: [Alimentazione] [Economia] [Economia solidale] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

27-12-2005
Articolo letto 473 volte

IL BOOM DEL REGALO EQUO SOLIDALE

Un fenomeno che non conosce crisi: "I clienti ci chiedono di lasciare le etichette nei prodotti, per dimostrare la loro correttezza". Trenta botteghe nella capitale: "Stiamo vendendo 10 volte di più" Presepi peruviani, panettoni ai frutti tropicali e cesti regalo colmi di prodotti biologici rigorosamente avvolti in carta riciclata. Sono i doni "equi e solidali", disponibili nelle circa 30 botteghe, dei veri e propri bazar, che aderiscono al Rees, il coordinamento delle esperienze del commercio equo e solidale di Roma e provincia (la cui lista completa è consultabile sul sito rees. splinder. com). «A Natale vendiamo dieci volte tanto - spiega Marianna, socia di "Tuttaunaltrastoria", in via Cruto 20, quartiere Marconi-Ostiense - Moltissimi i clienti che ci chiedono di lasciare bene in vista le etichette che indicano la provenienza del prodotto, la trasparenza delle quote dei ricavi che vanno a ogni soggetto della filiera produttiva, e in generale tutto il materiale informativo che spiega il senso del commercio equo e solidale: un momento di incontro fra consumatori responsabili e produttori a cui viene riconosciuta una giustizia sociale ed economica, nel rispetto dell´ambiente e delle tradizioni».

Temi | Paesi correlati: [Società e costume] [Economia] [Economia solidale] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

24-12-2005
Articolo letto 473 volte

Intervista radiofonica a Rita Borsellino presso Radio Città del Capo

Radio Città del Capo incontra Rita Borsellino, candidata dell'Unione di centrosinistra per le elezioni regionali siciliane. Nell'intervista si parla di politica e società, del sottile velo mafioso che avvolge la Sicilia anche in momenti in cui i media ignorano il fenomeno che, nel 1992, tolse la vita fratello Paolo.

Temi | Paesi correlati: [Disagio] [Mafia] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

22-12-2005
Articolo letto 473 volte

CHERNOBYL BESLAN E LA PERDITA DI VALENTINO

Domenica 11 dicembre, all’associazione “Mai più Cernobyl” è stato conferito il premio cittadino Ape d’oro per il volontariato.

Un riconoscimento importante, giunto peraltro inaspettato, che riconosce lo straordinario impegno di molti volontari che nei 10 anni di attività, hanno saputo offrire, non tanto e solo il loro tempo, ma soprattutto l'impegno per costruire un nucleo straordinario, in cui le diversità, anche quelle politiche e religiose, sono state il vero punto di forza.


Autore: Sandro Archetti
Temi | Paesi correlati: [Etica] [Terzo settore] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

20-12-2005
Articolo letto 473 volte

CECENIA, UNA MISTERIOSA SOSTANZA AVVELENA I BAMBINI

MOSCA - Comincia con forti brividi, un senso di asfissia, l'intorpidimento degli arti, mal di testa, svenimenti; una crisi segue l'altra, ripetutamente, anche quindici, venti volte in una giornata, e i medici sono impotenti, spesso appena in grado di alleviare qualche sintomo prima che un nuovo attacco riprecipiti le condizioni del paziente. Una misteriosa sostanza sta avvelenando gli scolari del distretto ceceno di Shelkovskoi, nel nord, e nessuno al momento riesce a capire di cosa si tratti.

Autore: Fonte: http://www.ansa.it/
Temi | Paesi correlati: [Ambiente] [Medicina e salute] [Contaminazioni] [Malattie] [Europa] [Europa] [Russia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

18-12-2005
Articolo letto 473 volte

EDITORIA: ANTITRUST AVVIA ISTRUTTORIA SU ESCLUSIONE DELLA FREE PRESS DALLE INDAGINI DI MERCATO

Alla base del provvedimento le decisioni di ADS e Audipress, segnalate da Edizioni Metro, di rifiutare la partecipazione della stampa gratuita ai sistemi di certificazione. La battaglia intrapresa dalla free press in Italia – in particolare da Metro - per entrare a pieno titolo nei sistemi di monitoraggio e di rilevazione della diffusione e degli indici di lettura che Ads e Audipress compiono sulla editoria periodica ha avuto un primo successo. L’ Autorita' Garante della Concorrenza e del Mercato ha deciso infatti di avviare un' istruttoria nei confronti delle associazioni ADS-Accertamenti Diffusione Stampa e Audipress, per accertare l'esistenza di intese restrittive della concorrenza. Alla base del provvedimento - rende noto un comunicato della stessa Autorita' - le decisioni di ADS e Audipress, segnalate da Edizioni Metro, di rifiutare la partecipazione della stampa gratuita ai sistemi di certificazione. L'istruttoria, decisa dall'Antitrust nella riunione del 28 settembre, dovra' concludersi entro il 10 novembre 2006.

Temi | Paesi correlati: [Informazione e media] [Media] [Europa] [Europa] [Italia]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto

18-12-2005
Articolo letto 473 volte

GB: IL MAXINCENDIO DI BUNCEFIELD SCATENA I CITTADINI-CRONISTI

In pochi giorni sono arrivate alla Bbc 6.500 email con foto o video dell’ incendio di Buncefield, 5.500 in più di quelle arrivate dopo l’ attacco terroristitico di Londra del 7 luglio – I freelance, preoccupati, si interrogano sul citizen journalism Londra - La reazione al megaincendio al deposito petrolifero di Buncefield ha mostrato quanto il cosiddetto ‘’citizen journalism’’ stia diventando una risposta istintiva dei cittadini di fronte ad eventi così gravi. La Bbc ha ricevuto in questi giorni 6.500 email contenenti foto e video clips realizzati con telefoni cellulari: 5.500 di più rispetto a quelle ricevute dopo l' attacco terroristico a Londra del 7 luglio scorso.

Autore: Jemima Kiss ( journalism.co.uk )
Temi | Paesi correlati: [Società e costume] [Informazione e media] [Libertà di espressione] [Media] [Europa] [Europa] [Inghilterra]
Segnala l'articolo ad un amico
Segnala link interrotto


PARTNER SITE
APPUNTAMENTI
<< Marzo 2015 >>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031